IL RUOLO DEI SOCIAL MEDIA NELLA STRATEGIA AZIENDALE

°OTIX

IL RUOLO DEI SOCIAL MEDIA NELLA STRATEGIA AZIENDALE Nell’odierna quotidianità, l’abitudine di consultare i social network è sempre più radicata e l’utilizzo è sempre più frequente e costante. Aprire l’app di Facebook, Instagram, Twitter, Linkedin, Pinterest, YouTube o TikTok (e altri) è un gesto naturale e spontaneo, potremmo dire quasi automatico.

°OTIX

IL RUOLO DEI SOCIAL MEDIA NELLA STRATEGIA AZIENDALE

Fra potenza del vantaggio e sensibilità di utilizzo

Nell’odierna quotidianità, l’abitudine di consultare i social network è sempre più radicata e l’utilizzo è sempre più frequente e costante. Aprire l’app di Facebook, Instagram, Twitter, Linkedin, Pinterest, YouTube o TikTok (e altri) è un gesto naturale e spontaneo, potremmo dire quasi automatico. Nello spazio digitale dei social network gli utenti possono interagire con gli amici, pubblicare foto o video, condividere un messaggio o un articolo, e molto altro. Veri e propri canali di comunicazione che, con una crescita esponenziale, nel breve tempo, hanno coinvolto quasi tutta la popolazione globale. [br]break-line[/br] Ma se dal punto di vista degli utenti i social sono percepiti come spazio di comunità, in cui manifestare i propri interessi e interagire con gli altri, dal punto di vista aziendale diventano spazio commerciale, in cui comunicare coi potenziali consumatori. [br]break-line[/br] I social media hanno cambiato le logiche della comunicazione aziendale, stravolgendole e migliorandole. Un’opportunità incredibile per le imprese, che ora hanno la possibilità reale di poter raggiungere un bacino enorme di clienti. Ma qual è esattamente il ruolo dei social nella strategia aziendale? Capire la loro importanza è un passaggio fondamentale, al fine di creare una strategia di marketing efficace. [h2] Dalla comunicazione unidirezionale alla comunicazione bidirezionale e multidirezionale [/h2] Comunicare con i propri clienti è una necessità aziendale. Da sempre. Sino agli anni Novanta, e quindi prima dell’avvento di internet, la comunicazione era basata esclusivamente sui mezzi di comunicazione di massa, quali radio, televisione, stampa, out-of-home. Un modello, questo, di [b]comunicazione unidirezionale[/b] o one-to-many (uno a molti), nel quale[b] il mittente è unico e i riceventi sono molti[/b]: l’interazione è assente ed è l’azienda che parla e comunica qualcosa ai consumatori. [br]break-line[/br] [b]Con l’avvento del digitale, questo modello si evolve e vengono ampliate le opportunità comunicative[/b]. Al [b]sito web[/b], vetrina essenziale del brand, si aggiungono i canali social attraverso i quali diventa possibile abbattere le barriere “standard” della comunicazione, prettamente unidirezionali. Dunque, le aziende iniziano a comunicare in modo diretto con i clienti, fino a creare un vero e proprio dialogo. Si sviluppa una forma di comunicazione in cui non è più solo l’azienda a comunicare qualcosa, ma [b]il cliente interagisce con l’azienda e l’azienda interagisce con il cliente[/b], in un flusso [b]comunicativo bidirezionale[/b]. [br]break-line[/br] In questo contesto, si giunge a ciò che nessuno avrebbe mai immaginato prima: [b]i consumatori parlano e si confrontano con gli altri consumatori[/b]. Il processo di comunicazione, che si sviluppa sui social, è circolare e vede coinvolti più utenti che interagiscono fra loro. Un flusso di [b]comunicazione multidirezionale[/b] o anche many-to-many (da molti a molti), ovvero che parte da molti e arriva a molti. Tale flusso di comunicazione è spontaneo e l’azienda non può intervenire in modo diretto, ma può influire positivamente in modo indiretto creando un rapporto di fiducia con i consumatori attraverso la propria strategia social. [h2]La propagazione dei social tra gli utenti[/h2] Perché è importante inserire i social network nella strategia di marketing? Per comprendere a pieno il potere e l’importanza dei social per le aziende è necessario sottolineare alcuni dati sulla frequenza di utilizzo. [br]break-line[/br] Secondo il report “Global Digital Report” di We Are Social e Hootsuite, nel 2021 sono [b]oltre 5 miliardi gli utenti connessi a Internet nel mondo[/b]. Dato in costante crescita. A questa cifra sorprendete si aggiunge un ulteriore dato rilevante, quello sull’analisi del comportamento degli utenti. Infatti, nella ricerca è specificato [b]che gli utilizzatori dei social media, a inizio anno, erano già oltre 4,26 miliardi[/b], e che oltre la metà di essi utilizzano dispositivi mobili per connettersi ai loro account social. [br]break-line[/br] Questi dati ti stupiscono? E se ti dicessimo anche che le persone passano online oltre sei ore a testa? No, non è un errore. È esattamente così, come viene riportato sempre nella ricerca di We Are Social e Hootsuite. Se pensiamo, poi, al fatto che [b]sei ore al giorno equivalgono a oltre 100 giorni all’anno su Internet[/b], si comprende immediatamente quanto i social media siano oggi importanti nella promozione di qualsiasi tipo di attività, diventando un canale strategico per le imprese. [br]break-line[/br] Attenzione, però: come per qualsiasi mezzo, [b]alla potenza del vantaggio si aggiunge la sensibilità dell’utilizzo[/b]. Infatti, anche nel caso dei social media, di primaria importanza è la competenza e la preparazione, per poterli utilizzare correttamente. Ecco perché, con il loro sviluppo, sta emergendo in maniera sincrona una nuova branca del marketing e nuovi professionisti specializzati proprio in questo settore. [img]magazine/article14/2.jpg[/img] [h2]Il Social Media Marketing e il Social Media Manager[/h2] Esserci non è sufficiente. Aprire un profilo su qualsiasi social network è semplice. È gestirlo che può rivelarsi complesso. A tal proposito, è necessario mettere in chiaro un aspetto fondamentale: i social sono un’opportunità formidabile, questi possono mettere in contatto la tua azienda con un numero impressionante di potenziali clienti, ma non è sufficiente creare una pagina aziendale e aspettare che le persone vengano a cercarti. Ecco perché si parla di [b]Social Media Marketing[/b], una branca del marketing applicata ai social network. [br]break-line[/br] [b]Per Social Media Marketing si intende quell’insieme di strategie multiscopo, pensate su misura per le piattaforme social, attraverso cui una marca, un brand, un libero professionista o un personaggio pubblico aumentano visibilità e notorietà, costruiscono e diffondono la propria immagine e i propri valori, promuovono un prodotto o un servizio, raggiungono nuovi clienti o coinvolgono di più e meglio i clienti attuali.[/b] [br]break-line[/br] Chiarito questo, è facilmente deducibile che, come per qualsiasi altra strategia di marketing aziendale, anche per i social la comunicazione non può essere improvvisata ma deve essere studiata a 360° gradi. Non si può procedere senza una pianificazione delle azioni. Dalla multinazionale alla micro impresa, passando per la PMI, non c’è differenza: c'è bisogno di uno studio e di un'analisi di fondo che permetta di delineare la strategia più adatta per raggiungere i propri obiettivi. [br]break-line[/br] Negli ultimi anni è emersa velocemente una figura professionale specializzata, quella del [b]Social Media Manager[/b]. Come per tutte le professioni, anche in questo caso la formazione e lo studio pregresso contribuiscono alla preparazione professionale. L’improvvisazione è sempre sbagliata, in qualsiasi settore. Solo con le giuste competenze si ottengono i risultati auspicati, che possono essere, poi, ampliati grazie all’esperienza. [br]break-line[/br] Il Social Media Manger cura il piano di Social Media Strategy. Questo significa che studia un piano d’azione per l’azienda, creando i contenuti e puntando ad obiettivi ben precisi. Esso sa che nessuna attività è uguale ad un’altra, nemmeno nello stesso settore. Per ogni impresa è necessaria un’attenta analisi dell’attività e del suo stato attuale e potenziale. Dunque, è la figura professionale che amministra l’intero ciclo di vita della comunicazione social dei brand, favorendo il raggiungimento dei risultati. [h2]Social Media Strategy aziendale[/h2] Se da un lato la comunicazione aziendale sui social si differenzia da azienda ad azienda, perché ogni realtà è a sé stante, dall’altro tutte le attività non possono prescindere dall’attuazione di un’efficace strategia di Social Media Marketing. Quest’ultima per funzionare ed essere di successo si compone di alcune precise fasi. [list] [*][b]Obiettivi[/b]. La definizione degli obiettivi è lo step primario da cui partire. Fondamentale è che essi siano allineati con la strategia generale di comunicazione, in modo tale che permettano il raggiungimento degli obiettivi di business dell’azienda. [*][b]Target di riferimento[/b]. La strada per l’impostazione di una Social Media Strategy aziendale vincente passa, necessariamente, dalla definizione del proprio pubblico. Occorre avere chiaro chi è il proprio target audience, perché solo in questo modo sappiamo a chi rivolgere la comunicazione. Attraverso la raccolta e l’analisi dei dati sul web o dalla conduzione di sondaggi, il Social Media Manager può comprendere il cliente tipo dell’azienda. [*][b]Selezione dei social[/b]. Non c’è niente di più sbagliato che pensare di dover essere ovunque. È invece necessario selezionare i social che sono adatti alla propria realtà aziendale. Facebook, Instagram, Twitter, Linkedin, Pinterest, YouTube, sono tra i principali (ma non gli unici) social network a disposizione di ogni azienda. Queste piattaforme hanno logiche e audience diverse, ed è dunque necessario preferire quelle più adatte al proprio business. [*][b]Contenuti[/b]. La Content Strategy riguarda la scelta dei temi, del tone of voice, della grafica e delle immagini da divulgare, il tutto delineato nel piano editoriale di pubblicazione. I contenuti sono, infatti, la base su cui costruire la propria presenza digitale e creare engagement. In quest’ottica è indispensabile creare contenuti pertinenti e di valore. [/list] [nl]new-line[/nl] Queste sono sicuramente le fasi principali per la costruzione di una Social Media Strategy, ma è bene tenere presente che ognuna di esse può essere ampliata e assumere numerose sfumature in base al business e alle decisioni aziendali. Fattore rilevante che dobbiamo tenere sempre in considerazione è ovviamente il [b]budget[/b]. [b]Tutte le fasi devono essere rapportate agli obiettivi che si vogliono raggiungere ma anche al budget che l’azienda può investire[/b]. In questo modo è possibile definire la strategia d’azione più adatta. Inoltre, queste fasi non devono essere considerate statiche, siamo infatti di fronte ad un processo circolare. Ogni aspetto deve essere rivisto, riconsiderato e modificato in base ai feedback e alle esigenze aziendali. Definire delle [b]KPI[/b] (Key Performance Indicator) da monitorare è il modo migliore per verificare cosa sta funzionando e cosa invece deve essere modificato. [img]magazine/article14/3.jpg[/img] [h2]Il ruolo dei social media nel piano strategico aziendale [/h2] Una delle difficoltà maggiori tra le realtà aziendali è capire il ruolo dei social network all’interno della strategia di marketing. Avere consapevolezza dell’importanza dei social nel piano di comunicazione è cruciale nell’attuale mercato digitale, per essere competitivi rispetto ai competitor e per interagire con i consumatori, che cercano sempre più un rapporto di fiducia con le aziende. [br]break-line[/br] Costruire il piano strategico aziendale è un’operazione complessa, in cui i vari mezzi di comunicazione online e offline devono interagire tra loro, per un obiettivo comune. [br]break-line[/br] Il ruolo dei social network nel piano di comunicazione è sicuramente essenziale. Essi forniscono alle aziende la possibilità di [b]raccontarsi[/b] con un linguaggio e con una modalità che permette di [b]arrivare in maniera diretta alle persone[/b]. I social consentono all’azienda di [b]creare la propria identità online[/b], attraverso contenuti che rispecchiano la sua vision e la sua mission. [b]Il rapporto con i clienti è ravvicinato, c’è interazione e dialogo tra le parti[/b]. Gli utenti possono essere raggiunti in qualunque momento e in qualsiasi luogo, non c’è la staticità del cartellone o la velocità del messaggio radio. [b]Con essi è davvero possibile mostrare il mondo aziendale nella sua interezza[/b]. [br]break-line[/br] Ovviamente, come abbiamo specificato sopra, niente va lasciato all’improvvisazione o a chi non ha le competenze adeguate per farlo. In ambito digitale, ai social media si affiancano il sito web efficace, l’e-commerce che dà la possibilità di acquistare i prodotti o i servizi, il blog interessante e coinvolgente. [br]break-line[/br] [b]Sicuramente la strategia di Social Media Marketing non può reggersi da sola e non può sostituire il marketing tradizionale[/b]. Il marketing e la comunicazione aziendale per funzionare e ottenere i risultati di business sperati devono basarsi su un piano strategico integrato online e offline. Solo una gestione integrata, strutturata e coerente, è in grado di garantire a un brand il raggiungimento di grandi e piccoli obiettivi.

Leggi anche

TRACCIAMENTO ONLINE: OGNI CLICK RIVELA PIÙ DI QUANTO IMMAGINI
TRACCIAMENTO ONLINE: OGNI CLICK RIVELA PIÙ DI QUANTO IMMAGINI

L'argomento del tracciamento online è vasto e complesso, poiché coinvolge una varietà di tecnologie, attori e regolamenti. Questa pratica, diffusa in tutto il panorama digitale, incide profondamente sull'esperienza dell'utente online, influenzando non solo la personalizzazione dei contenuti e la pubblicità ma anche sollevando questioni fondamentali legate alla privacy e alla sicurezza dei dati personali. In questo articolo, cercheremo di fornire una visione chiara e approfondita di come il tracciamento online modella l'esperienza digitale contemporanea e quali strumenti e pratiche possono essere adottati per navigare in modo più consapevole e sicuro nel vasto oceano dell'Internet.

CREATIVITÀ, LEGGEREZZA ED EMOZIONI NEI RACCONTI NATALIZI
CREATIVITÀ, LEGGEREZZA ED EMOZIONI NEI RACCONTI NATALIZI

Come ogni anno, il periodo natalizio si trasforma in un palcoscenico per numerosi brand per promuovere i propri prodotti o per trasmettere i valori aziendali in modo originale e accattivante attraverso campagne pubblicitarie dedicate alle festività di fine anno. Caratterizzati da un mix di leggerezza, emozioni e ritmi musicali coinvolgenti, questi spot rappresentano dei veri e propri racconti, che spesso affrontano anche temi sociali di rilievo diventando un riflesso delle tendenze culturali del nostro tempo e offrendo un'istantanea della società contemporanea. E noi, anche quest’anno, abbiamo voluto raccogliere i più belli e significavi.

Vedi tutti gli articoli

loading